Crea sito

Per sapere il motivo di queste integrazioni, oltre la mia esperienza, clicca QUI
Per sapere cosa è il PRIMO FLAGELLO umano che si chiama CAFFE'
clicca
QUI Leggi quanto riporta il sito PAGINE MEDICHE "area medica" della CAFFEINA Clicca QUI inoltre è un INSETTICIDA Clicca QUI e lo ZUCCHERO: dannoso e tossico come il CAFFE', l'ALCOOL ed il TABACCO Clicca QUI  Per tutta la documentazione in nostro possesso clicca QUI

Per la definizione degli "ALIMENTI ESSENZIALI"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/alimentiessenziali.htm

Tutto sul MAGNESIO
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiobase.htm

Tutto sulla vitamina D
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadbase.htm

La vera causa dei tumori: i PRODOTTI CHIMICI di qualsiasi natura essi siano, sia inalati che ingoiati.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/tumorelaveracausa.htm http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/velenichimici.htm  http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/detersivi.htm  http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/pesticidisentenza.htm

Vediti questo video, è CHIARISSIMO.
https://www.youtube.com/watch?v=kq7W3I8aL-c

e sentiti questo
https://www.youtube.com/watch?v=-UBDSGhW0Go

Acido citrico "alimento essenziale"sostituisce i prodotti CHIMICI: 10 modi per utilizzarlo in casa e dove trovarlo
Vuoi evitare i TUMORI e le MALATTIE?

L'ACIDO CITRICO "ALIMENTO ESSENZIALE" che è nel liquido seminale detto SPERMA quindi nel corpo del maschio. E' nel LATTE di ogni femmina animale al mondo, di conseguenza anche nel suo corpo. Attraverso questo LATTE entra nel corpo del piccolo a svolgere uno dei suoi ruoli più importanti, quello di ANTIDOLORIFICO, quindi INNOCUO sia per l'interno che per l'esterno del corpo. E' capace di sostituire tutti quei PRODOTTI CHIMICI "NOCIVI" alla salute di ogni essere vivente che ne sono la PRIMA VERA CAUSA DI TUMORI e le altre malattie.
Ecco alcuni dei suoi possibili impieghi domestici, per la pulizia della casa e per la cura della persona.
1) Ammorbidente per il bucato
2) Anticalcare fai-da-te
3) Disincrostante per la lavatrice
4) Brillantante per la lavastoviglie
5) Dopo-shampoo
6) Gallette da bagno frizzanti
7) Pulizia dei vetri
8) Pulizia degli scarichi
9) Pulizia delle pentole
10) Pulizia del WC

http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/acidocitricoincasa.htm

Se proprio non riusciamo a evitarli, almeno conosciamoli... 

LISTA DEI PRINCIPALI ADDITIVI ALIMENTARI AUTORIZZATI

COLORANTI ARTIFICIALI
E 102 tartarazina
E 104 giallo di chinolina
E 110 giallo arancio S
E 122 azorubina
E 123 amaranto
E 124 rosso cocciniglia A
E 127 eritrosina
E 131 blu patentato V
E 132 indigotina
E 133 blu brillante FCF
E 142 verde acido brillante S
E 150 a,b,c,d caramello
E 151 nero brillante BN
E 153 carbone vegetale
E 171 biossido di titanio
E 172 ossidi e idrossidi di ferro
COLORANTI NATURALI
E 100 curcumina
E 101 riboflavina
E 120 cocciniglia
E 140 clorofille
E 141 complessi rameici di clorofille e clorofilline
E 160 a caroteni
E 160 b annatto
E 160 d licopina
E 160 e beta-apo-8'-carotenale
E 160 f estere etilico di E 160 e
E 161 b luteina
E 161 g cantaxantina
E 162 rosso di barbabietola
E 163 antociani

http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/conservanti.htm

Il vostro deodorante vi sta drogando, giorno dopo giorno, con una neurotossina!
Gli antitraspiranti agiscono in modo da bloccare le ghiandole sudoripare, che fermano la secrezione di proteine e acidi grassi.

La maggior parte degli antitraspiranti sono realizzati con sali di alluminio come il cloruro di alluminio, il cloridrato di alluminio o di composti di zirconio di alluminio. Poiché sono antitraspiranti cambiano la fisiologia del corpo, e in realtà sono considerati alla stregua di un farmaco negli Stati Uniti e sono regolamentati dalla Food and Drug Administration.

Ogni antitraspirante venduto negli Stati Uniti ha un Drug Identification Number(DIN), indicata in etichetta.

L’esposizione cronica all’alluminio produce neurotossicità

Nel 1986, l‘alluminio è stato riconosciuto come neurotossina negli Stati Uniti. L’EPA statunitense ha stabilito un range di sicurezza per i sali di alluminio nell’acqua potabile pubblica, che è 0,05-0,2 milligrammi per litro.

In una pubblicazione del 2010 la: Neurotoxicology, i ricercatori del Department of Medicine at the University of California hanno mostrato come l’esposizione prolungata ai sali di alluminio provoca neurotossicità.

In un modello animale, l’alluminio è stato dato a bassi livelli per determinare l’accelerazione di invecchiamento cerebrale.

Hanno scoperto che i sali di alluminio possono aumentare i livelli di attivazione gliale, citochine
infiammatorie e proteine amiloide precursore all’interno del cervello. http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/deodorantitraspiranti.htm

I cosmetici: i prodotti per la bellezza e la pulizia della persona cui la PUBBLICITA' SPAZZATURA ce ne presenta un gran bene, riportandoci ad esempio delle figure di ragazze sicuramente molto giovani e con le caratteristiche personali PERFETTE, che proprio per questo MOLTO CONVINCENTI di cui il pubblicista e la ditta che lo propone conoscono benissimo. 
Tanto convincenti che riescono a farsene parecchie VITTIME.
Le chiamo VITTIME in quanto il più delle volte alla scoperta di una patologia non si riesce a venirne a capo della vera causa, dai loro "compagni di merende", anzi il più delle volte ci si sente parlare addirittura di "EREDITARIETA'" parola completamente INVENTATA per lo specifico e non solo, che se si pensa a quanto si è usato sul corpo nel tempo, allora se ne capisce quale ne sia la causa.
A conferma di questo ecco un video molto esplicativo che non ha bisogno di commenti, vero?
http://www.youtube.com/watch?v=J3UwwyZll-Y

che trovi su questa pagina.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/cosmeticivideo.htm

Triclosan, l'antimicrobico 'killer' del fegato
Un antimicrobico molto comune nei prodotti per l'igiene personale può attaccare il fegato e danneggiarlo seriamente causando la fibrosi epatica o il tumore. A lanciare l'allarme sulla pericolosità del Triclosan, additivo contenuto in molti saponi per le mani e in prodotti per la casa, è uno studio dell'University of California pubblicato sulla rivista 'Proceedings of the National Academy of Sciences'.

"L'aumento della diffusione del Triclosan rappresenta un rischio di tossicità epatica per le persone, superando il vantaggio moderato che può rappresentare come detergente antimicrobico", ha spiegato Robert H. Tukey, docente di chimica e autore dello studio.

Lo studio suggerisce che il Triclosan è pericoloso perché interferisce con lo sviluppo del recettore dell'androstano, una proteina responsabile del metabolismo di sostanze chimiche estranee al corpo. Il danno provocato a questa proteina causa una proliferazione di cellule epatiche e nel tempo una fibrosi epatica. Recenti studi hanno inoltre trovato tracce di Triclosan nel 97% dei
campioni di latte materno e nelle urine di quasi il 75% delle persone testate. http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/saponitriclosan.htm

Quanti di noi sanno che esiste e continua ad aumentare l'inquinamento domestico?
Le nostre case sono piene di tossicità, provocate dai materiali con cui sono costruite, dalle pitture e particolarmente dai mille prodotti inquinanti che usiamo con consapevolezza spray, deodoranti per la casa e per la persona. prodotti di pulizia per la casa ed per il copro.
I nostri bambini gattonano ed i nostri AMICI VIVONO e giocano su pavimenti puliti con sostanza inquinanti. Toccano ogni cosa pulita e ripulita da disinfettanti tossici, poi si portano le mani alla bocca mentre i nostri animali, se cade del cibo ci passano addirittura la lingua sopra. L'inquinamento lo mangiano prima di sedersi a tavola, mentre i nostri animali lo mangiano prima di fare il parto nel suo contenitore ben pulito.. Ecco quindi che possiamo comprarci delle zucchine biologiche - sperando che siano davvero biologiche - torniamo a casa e laviamo le zucchine nel lavandino che abbiamo precedentemente lavato con un bel detersivo ad alta tossicità. Dopodichè cuciniamo le zucchine: serviamo a tavola su piatti resi splendenti da uno dei tanti detersivi altamente inquinanti e brillantati con sostanze altrettanto sospette di cui non vogliamo chiederci la composizione.
Ponendo il caso che all'inizio di questa operazione le zucchine fossero davvero biologiche, proviamo a chiederci quanto biologiche siano rimaste alla fine dell'operazione.
Questo è un esempio dei tanti.
http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/detersivi.htm

Per altri articoli sui prodotti CHIMICI
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/velenichimici.htm http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/shampo.htm

Ho contato quanti sono i COLORANTI sconsigliati per i bambini e sono circa la metà, ma forse è che per gli adulti questo PRODOTTI CHIMICI ne sono la SALUTE? Non è che gli adulti sono di acciaio vero?
E con che criterio si permettono di decidere per noi se possono o non possono causarci SOFFERENZA e quindi MALATTIE?
Ed il tutto sappiamo per certo che è fatto SOLO per il business.
Ma contiamo così poco?

Un colorante alimentare che fà molto discutere è il rosso cocciniglia; Il Rosso Cocciniglia viene estratto dallo scheletro (involucro esterno) di alcune specie di insetti ed è ampiamente usa dall'industria alimentare per colorare di rosso, arancione, succhi di frutta rossi (tipo l'aranciata rossa) bevande gassate, bevande alcoliche, caramelle, dolciumi, alcuni tipi di gelati, creme, ecc. Gli alimenti e bevande confezionate che contengono il colorante cocciniglia viene indicato con la sigla E120.
Pensate che occorre sterminare circa 100.000.000 (centomila) cocciniglie femmine per produrre 1 kg di colorante rosso cocciniglia E120. Le cocciniglie di sesso maschile vengono escluse da questa mattanza perchè producono meno colorante.
Quando beviamo un succo di arancia rossa, molto probabilmente quel rosso non dipende dal pigmento delle arance, ma dal dolorante E120 estratto dalle cocciniglia.
Produrre aranciate rosse direttamente dalle arance rosse è quasi impossibile, perchè il pigmento rosso dell'aranciata a contatto con l'ossigeno diventerebbe marrone, ed un succo di aranciata marrone nessuno lo consumerebbe.
Quindi l'industria dei succhi di frutta preferisce utilizzare le aranciate bionde per produrre succhi di arance e poi colorarle con colorante rosso E120 estratto dalla cocciniglia.
Il rosso cocciniglia si estrae dal corpo delle cocciniglie femmine ricche di acido carminico; Per estrarre il colorante, vengono uccise le cocciniglie di sesso femminile e successiva macinazione e setacciamento con vibrovagli per separare lo scheletro ricco di colorante dalle altre parti anatomiche dell'insetto. Una volta separati, gli esoscheletri vengono messi a bagno con acqua calda per un certo lasso di tempo; L'acqua estrae il colorante dall'esoscheletro delle cocciniglie tingendosi di rosso e successivamente, ottenendo una polvere secca da confezionare in barattoli o buste sotto vuoto e smerciare all'industria alimentare e tessile per colorare di rosso alimenti, bevande, gelati e fibre tessili.
Dal punto di vista igienico sanitario, il rosso cocciniglia alle dosi di impiego sembra non creare problemi di intossicazione alimentare; Solo i soggetti allergici ad acari ed insetti, possono accusare reazioni allergiche IgE mediate dal contatto o assunzione di bevande contenenti il rosso cocciniglia.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/colorantee120cocciniglia.htm

Nella tabella che segue si esaminano i coloranti (da E100 a E199), la loro origine, dove si trovano, la loro tossicità e se sono vietati. Con il simbolo Colorante non adatto ai bambini si è voluto indicare se il colorante comporta dei rischi per i bambini, sia per reazioni di tipo allergico che per la sindrome di iperattività nonostante non ne venga vietato l'uso. (vedi "I coloranti: definizione e rischi"). Abbiamo assunto informazioni da parecchie fonti e talvolta i dati non sono concordanti. Molti dati sono ancora sotto esame da parte di organi preposti, altri accettati dalla legge sono contestati da associazioni di difesa dei consumatori. Questa vuole essere una guida illustrativa e divulgativa che renda l'idea di ciò che troviamo sulle etichette dei prodotti che consumiamo. Colore giallo.

Da E100 a E109

E100
Curcumina, curcuma. Estratto dalla radice di curcuma. Colorante arancione-giallo per l’intera massa o per la superficie. Non tossico

E101
Riboflavina o Lattoflavina (Vitamina B2). Prodotta da lievito o sinteticamente. La si trova in: latte, pollo, pesce, fegato e rognone, formaggi, cereali integrali, germe di grano, lievito di birra, frutta a guscio: pinoli, arachidi, noci, pistacchi. Non tossico

E102
Tartrazina. Azocolorante sintetico. Può causare: eruzioni cutanee, raffreddore, problemi di respirazione, visione offuscata, gonfiori, insonnia nei bambini, controindicato per chi è allergico all'acido acetilsalicilico (la comune "aspirina") e per i soggetti asmatici. Dove la si trova: nelle bevande gassate, nelle caramelle alla frutta, nei budini, nelle minestre confezionate, nei gelati, nei chewing gum, nel marzapane, nelle marmellate, nelle gelatine, nella mostarda, nello yogurt e in molti altri alimenti assieme alla glicerina, limone e miele. La si può persino trovare negli involucri delle capsule dei medicinali.
VIETATO in Svizzera - AMMESSO in Europa.
Colorante non adatto ai bambini

E103
Crisoina resorcinolo. Vietato dal 1977.
Non ammesso nell'Unione Europea.
VIETATO.
Colorante non adatto ai bambini

E104
Giallo di chinolina. Colorante sintetico di catrame di carbon fossile. Dove lo si trova: caramelle, bibite, liquori, gelati, uova, e nel merluzzo affumicato. Proibito in Australia. È stato riconosciuto che ha l'effetto di stimolare la produzione di istamina e può avere effetto sulla retina e sul fegato, per questo è proibito in molti paesi. Il suo contatto può anche causare dermatiti. È uno dei coloranti di cui si chiede la totale eliminazione dalla dieta dei bambini. Il giallo chinolina è usato come pigmento per i tatuaggi.
VIETATO in USA, Giappone, Norvegia.
AMMESSO in Europa
Colorante non adatto ai bambini

E105
Giallo solido (Fast yellow AB).
VIETATO dal 1977.

E106
Riboflavina-5-fosfato, sale sodico.
VIETATO

E107
Giallo 2G. Colorante azoico. Dove si trova: bibite, cordiali, zuppe pronte, maionese. Effetti: E107 è implicato nella comparsa di allergie, iperacidità ed asma. L'uso è limitato ed il colore potrebbe essere in futuro vietato.
VIETATO

E110
Giallo arancio S (G. tramonto FCF). Colorante di catrame di carbon fossile e azocolorante. Dove si trova: bibite, sciroppi, cordiali, zuppe pronte, dolci in generale, gelati, ghiaccioli. Controindicato per chi è allergico all'acido acetilsalicilico (aspirina) e per gli asmatici. Può provocare eruzioni cutanee.
Sconsigliato ai bambini. Tossico in alte dosi.
VIETATO in alcuni paesi.
Colorante non adatto ai bambini

Colore arancione. E111

E111 Arancio GGN.
Vietato dal 1977.

Colore rosso. Da E120 a E129

E120
Cocciniglia (acido carminico, vari tipi di carminio). Colorante naturale rosso del tuorlo dell’uovo e anche ottenuto dall'estrazione dei corpi essiccati delle femmine di coccinella americana che contiene fino a 10% di acido carminico, il principale colorante di molti aperitivi. Altri insetti utilizzati sono Porphyrophyra hamelis, Kermes ilicis, Margaroides polonia e Laccifera lacco.
Sconsigliato ai bambini in genere, soprattutto asmatici e allergici! Dove si trova: prodotti farmaceutici, sciroppo e pastiglie, caramelle, gelatine, salumi stagionati, prodotti da arrosto.
AMMESSO in Europa
Colorante non adatto ai bambini

E121
Orceina, oricello. Dove si trova: marzapane e gelatine.
VIETATO dal 1977

E122
Azorubina (Carmoisina). Azocolorante sintetico. Dove si trova: sciroppi, bibite, gelati, bevande, marzapane e gelatine. Controindicato per chi è allergico all'aspirina e per gli asmatici. Può provocare eruzioni cutanee.
AMMESSO
Colorante non adatto ai bambini

E123
Amaranto. Potenzialmente cancerogeno. Controindicato per chi è allergico all'aspirina e per gli asmatici. Può provocare eruzioni cutanee.
AMMESSO.
Vietato negli USA dal 1976
Colorante non adatto ai bambini

E124
Rosso cocciniglia A (Ponceau 4 R).
Sconsigliato ai bambini; può provocare allergie ed eruzioni cutanee; controindicato per chi è allergico all'acido acetilsalicilico ("aspirina") e per i soggetti asmatici. Dove si trova: caramelle, paste, biscotti, sciroppi, bibite, dolci, gelati, ghiaccioli, marzapane e gelatine.
AMMESSO.
VIETATO in alcuni paesi
Colorante non adatto ai bambini

E125
Scarlatto GN.
VIETATO dal 1977

E126
Ponceau 6R.
VIETATO dal 1977

E127
Eritrosina. Dove si trova: caramelle, frutta sciroppata, gelati, ghiaccioli, biscotti, ciliegie candite, fragole. Vietato negli Usa per gli alimenti.
Sconsigliato ai bambini; può incrementare i livelli dell'ormone tiroidale e portare all'ipertiroidismo; può causare ipersensibilità alla luce.
AMMESSO.
VIETATO negli USA.
Colorante non adatto ai bambini

E128
Rosso 2G. Può essere cancerogeno, secondo la valutazione effettuata dall'Efsa sugli additivi alimentari, e trasmessa alla Commissione Europea.
VIETATO

E129
Rosso allura AC. Allergenico in condizioni di allergie e irritazione alla pelle.

Colore blu e violetto. Da E130 a E139

E130
Blu antrachinone, blu d'indantrene R.
VIETATO dal 1977

E131
Blu patent V. Colorante sintetico. Effetti nocivi: sensibilità della pelle, prurito ed orticaria; raramente choc e problemi respiratori, nausea, ipotensione e tremore.
AMMESSO.
VIETATO in AUSTRALIA
Colorante non adatto ai bambini

E132
Indigotina. Colorante sintetico. Colorante blu usato in diagnostica per verificare la normale funzionalità renale, per mezzo della produzione di urina blu. Leggermente tossico; nelle persone allergiche può causare nausea, vomito, ipertensione, reazioni cutanee, problemi respiratori.
Sconsigliato ai bambini.
Dove si trova: gelati, ghiaccioli, paste, frutta candita, biscotti e dolciumi. Leggermente tossico
Colorante non adatto ai bambini

E133
Blu brillante FCF. Secondo alcuni studi, dannosi per i bambini!
TOSSICO
Colorante non adatto ai bambini Colore verde.

Da E140 a E149

E140 Clorofille e clorofilline. Pure sono difficilmente isolabili. Si estrae dalle ortiche e dall’erba medica.
Nessun effetto nocivo noto.

E141
Complessi rameici delle clorofille. Dove si trova: gelati e dolci.
Nessun effetto nocivo noto.

E142
Verde acido brillante S. Colorante sintetico. Effetti nocivi: nessuno noto. Colore da marrone a nero.

Da E150 a E160 E150 - E150b - E150c - E150d
Caramello, caramello solfito caustico, caramello ammoniacale, caramello solfito ammoniacale. Dove si trovano: bibite tipo cola, gelati, ghiaccioli, liquori, acqueviti, birra, pasticceria in genere, biscotti, frutti di mare, soia, frutta e verdura in scatola, conserve.
Sconsigliati ai bambini. Ottenuti attraverso la reazione esotermica tra saccarosio e sostanze chimiche, quali acido solforico e ammoniaca.
TOSSICO
Colorante non adatto ai bambini

E151
Nero Brillante BN. Sconsigliato ai bambini. Può provocare allergie ed eruzioni cutanee; controindicato per chi è allergico all'acido acetilsalicilico (la comune "aspirina") e per i soggetti asmatici. Dove si trova: caramelle, creme, gelati, ghiaccioli.
TOSSICO
Colorante non adatto ai bambini

E152 Nero 7984.
VIETATO dal 1977

E153 Carbone medicinale vegetale. Origine naturale, dalla combustione dei vegetali. Effetti nocivi: sospettato di essere coinvolto nell’insorgenza del cancro.
TOSSICO
Colorante non adatto ai bambini
VIETATO negli USA

E154
Marrone FK.
VIETATO

E155
Marrone cioccolato HT, Bruno ht. Secondo alcuni studi, dannoso ai bambini.
VIETATO Altri colori.

Da E160 a E199

E160a
Alfa, Beta, Gamma-carotene. Estratti dai pigmenti vegetali di carote, pomodori, verdure con foglie verdi, albicocche, arance e frutti delle delle rose. Colorante giallo-arancione; nell’organismo diventa vitamina A. Effetti nocivi: nessuno noto. Nessun effetto nocivo noto.

E160b
Annatto, Bissina, Norbissina. Origine: estratto dai bacelli dell’albero tropicale Annatto. Colorante che va dal giallo al pesca. Effetti nocivi: nessuno noto.

E160c Capsantina, Capsorubina. Estratto naturale di paprica, colorante arancione, aromatizzante.
VIETATO in Australia

E160d
Licopina. Estratto naturale dei pomodori. Colorante rosso.

E160e
Beta-apo-8′-carotenale. Nessun effetto nocivo noto

E160f
Rodoxantina. Presente in piccole quantità nei semi del tasso. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto E161 Xantofilla. Nessun effetto nocivo noto

E161a
Flavoxantina. Pigmento appartenente al gruppo dei carotenoidi. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto E161b Luteina. Derivato del carotene, uno dei pigmenti vegetali presenti nelle foglie verdi; si trova anche nel tuorlo dell’uovo. Colorante che va dal giallo al rossastro. Nessun effetto nocivo noto

E161c
Criptoxantina. Derivato del carotene, si trova nei petali e nelle bacche delle piante di uva spina, delle patate e dei pomodori, nella buccia delle arance, nell’uovo e nel burro. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto E161d Rubixantina. Presente nei falsi frutti delle rosa. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto

E161e
Violoxantina. Estratto naturale isolato dalle viole del pensiero. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto

E161f
Rodoxantina. Presente in piccole quantità nei semi del tasso. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto

E161g
Cantaxantina. Può essere isolato da alcuni funghi e dalle penne di fenicottero. Colorante arancione. Effetti nocivi: nessuno noto. Nessun effetto nocivo noto

E162
Rosso di barbabietola, betanina. Estratto naturale della barbabietola. Colorante rosso violaceo. Nessun effetto nocivo noto E163 Antociani.

E163a Pelargonidina.

E163b Cianidina.

E163c Peonidina.

E163d Delfinidina.

E163e Petunidina.

E163f Malvidina.

Da E163 a E163:
presenti nel succo cellulare di molti fiori, frutti, gambi, foglie. Coloranti rossi, blu, violetti. Colorazione esterna.

Da E170 a E181 E170
Carbonato di calcio. Sostanza minerale molto diffusa. Colorante superficiale, agente addensante, agente lubrificante.

E171
Biossido di titanio. Ottenuto dalla ilmenite. Colorante bianco. Meglio evitarlo

E172
Ossidi di ferro. Pigmenti diffusi in natura. Coloranti gialli, rossi, marroni, arancioni e neri. VIETATO in Australia

E173 Alluminio. Presente in natura, sottoforma di bauxite.Colorante metallico. Effetti nocivi: nessuno (se i reni sono sani).
VIETATO in Australia

E174 Argento.
VIETATO in Australia

E175
Oro. Metallo diffuso in natura. Colorante metallico.
VIETATO in Australia

E180
Litolrubina BK.
VIETATO in Australia

E181
Tannino.

Si consiglia di consultare sempre il proprio medico di fiducia.

Cosa faranno mai questo PRODOTTI CHIMICI nel mio corpo che nel mio sangue non ci devono stare, aggiunti solo per l'inganno ed il business?
E come posso pretendere che non mi venga un TUMORE?
Quindi il RISPETTO per l'essere umano NON ESISTE, ma sopratutto tante chiacchiere che alla fine nessuno se ne preoccupa.

Se l'italiano è la tua lingua leggi sotto.
Se hai cliccato sul traduttore e vuoi leggere la pagina nella tua lingua clicca sulla riga.

il link è: http://www.alimentipedia.it/tabella-dei-coloranti.html

 

                         Sai cosa è il CLORURO DA MAGNESIO ? vai su
                                 
    http://clorurodimagnesio.altervista.org/

                                Ecco invece i siti che potrebbero cambiarti la VITA
                                                      www.dr-rath-foundation.org
                                                      www.massimopietrangeli.net
                                         www.aerrepici.org/forum/forum.asp?FORUM_ID=1

I link che NON ti devi perdere sono: cliccaci sopra poi te li leggi con comodo.

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lapelle.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esperienze.htm

Se NON hai ancora visitato il nostro sito ti consiglio di visitarlo e per capire cosa è l'ACIDO ASCORBICO devi leggere le pagine più importanti che sono: CHI SIAMO, LA DONNA,
SITO SECONDO, SITO TERZO, SITO QUARTO, SITO SESTO,
SITO DECIMO.

                           Quindi clicca per SAPERNE di più sull'ACIDO ASCORBICO
                         
oppure:
                                    http://acidoascorbico.altervista.org/index.html