Crea sito

Per sapere il motivo di queste integrazioni, oltre la mia esperienza, clicca QUI
Per sapere cosa è il PRIMO FLAGELLO umano che si chiama CAFFE'
clicca
QUI Leggi quanto riporta il sito PAGINE MEDICHE "area medica" della CAFFEINA Clicca QUI inoltre è un INSETTICIDA Clicca QUI e lo ZUCCHERO: dannoso e tossico come il CAFFE', l'ALCOOL ed il TABACCO Clicca QUI  Per tutta la documentazione in nostro possesso clicca QUI

Per la definizione degli "ALIMENTI ESSENZIALI" clicca QUI

Tutto sul MAGNESIO Clicca QUI

Tutto sulla vitamina D Clicca QUI

Con mia grande sorpresa, nonostante la mia ottima salute, ecco la mia CARENZA di vitamina D riscontrata nel 2014 con valore 22.9, molto sotto il minimo di 30.0  clicca QUI

In seguito a ricerche fatte con i nostri contatti è risultato che chi è CARENTE di questa vitamina D è in eccesso di COLESTEROLO.
Sembra che il corpo che NON E' STUPIDO e dato che si AUTOPRODUCE entrambi dica:
"...io ti produco più COLESTEROLO, tu ESPONITI AL SOLE che HO BISOGNO DI vitamina D", poichè questa è l'AUTOPRODUZIONE di questa vitamina.
COLESTEROLO + RAGGI UV = vitamina D
Personalmente ne sono un esempio lampante con questi valori datati 21 gennaio 2014 di cui:
VITAMINA D TOTALE (25-OH D)                   22.9            valori di riferimento [30.0 - 74.0]
COLESTEROLO TOTALE                                223             valore ottimale 110-200 mc/dl
rilevabili dall'esame sopra.

Oggi 17 settembre 2014 dal mio esame avendo ingoiato 40 gocce al giorno, risulta:
VITAMINA D TOTALE (25-OH D)            36.7   ng/ml    con valore di riferimento (30.0-74.0)
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/esame14a.htm

La tabella a cui mi riferisco e che giudico valevole è riportata da molti articoli, uno di questi è quello a cui mi riferisco che dice:
< 10 ng/ml Carenza
10 e 30 ng/ml Insufficienza
tra 30 e 100 ng/ml Sufficienza
>100 ng/ml Tossicità

Si è capito che la INTOSSICAZIONE non può esistere in quanto il corpo dell'individuo è capace a gestire ciò che è nel suo corpo, e nel caso della vitamina D3, addirittura se la AUTOPRODUCE ad ogni esposizione al sole. Ciò che NON sà gestire sono i prodotti CHIMICI VELENOSI delle "ricerche scientifiche" e che con questo corpo NON HANNO NULLA A CHE VEDERE.

Questa pagina recita:
"Mi permetto di presentare con piacere la sfida di un membro di questo gruppo, Laura Gennari, la quale dopo aver letto la mia pagina sulla vitamina D e la TUBERCOLOSI TBC mi attacca e scrive: 
"Laura Gennari M fermo alla prima lampadina che si è accesa: lo scritto dice che nei sanatori di montagna, i malati di tbc guarivano tutti. Vorrei dei dati statistici in merito"
che dopo una proposta fatta da me, continua:
"Laura Gennari Da quando fu provato nel 1880 che la malattia era contagiosa, la tubercolosi divenne una malattia conosciuta e le persone infette furono costrette ad entrare nei sanatori che sembravano prigioni; anche se i sanatori per le classi media e alta offrivano cure eccellenti e costante attenzione medica.[73] Nonostante i benefici dell'aria fresca e del lavoro nei sanatori, anche sotto le migliori condizioni, il 50% di coloro che entravano morivano in cinque anni (stralcio da Wikipedia, voce "Storia della Tubercolosi)."
al che, avendo al mio attivo una documentazione su quanto affermo sulla pagina sulla vitamina D e la TBC, fatta addirittura dal sito della Fondazione Umberto Veronesi mi permetto di presentargliela cotrapponendola al wikipedia da lei citato.
.
Però mi è venuto un forte dubbio sul comportamento di questo personaggio e mi viene in mente il fatto che  si dice:
"SUL WEB TROVI DI TUTTO ED IL CONTRARIO DI TUTTO"
Quindi Avendo certezza che questo mio è IL TUTTO GIUSTO in quanto sempre documentato, non posso che interpretare il suo comportamento IL CONTRARIO DI TUTTO.
Ma allora quale sarà il ruolo di questo membro nel gruppo?
Sicuramente non per la VERA SALUTE dei membri.
Preferisco non indagare, ma lasciare ai membri di giudicare questo comportamento che ritengo anomalo, autonomamente.

Nello stesso tempo colgo l'occasione per mettere a confronto 2 (due) versioni diametralmente opposte sula utilità della vitamina D3 nel corpo umano e non solo, l'una data dal tirapiedi della medicina, wikipedia, sito messo lì per confondere le idee creando IL CONTRARIO DI TUTTO, e l'altro la Fondazione Umberto Veronesi, che nonostante il conflitto di interessi ammette la utilità della vitamina D3, che è AUTOPRODOTTA da TUTTI gli individui esistenti sul pianeta terra, la cui AUTOPRODUZINE non può che determinarne la importanza per la SALUTE del loro corpo.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/vitaminadelatbcveronesi.htm

L'importante e comunque è ingoiare e10000 UI al giorno ed il valore nel sangue non deve essere solo sufficienti, perchè la sufficienza è 30 ng/ml e NON ci garantisce un buon metabolismo dell'osso.
Però se vogliamo far funzionare al meglio tutti i nostri meccanismi per la prevenzione dei tumori, o comunque contro i batteri ed i virus esogeni, allora è importante che i nostri livelli si attesti intorno ai 100.
Quindi se vediamo che i nostri livelli sono insufficienti, lo possiamo vedere soltanto con un dosaggio, dobbiamo supplementare.  La dose raccomandata dal md Coimbra è di 10000 UI al giorno che corrispondono a 40 gocce della Dibase 10000 UI gocce della farmacia, oppure del generico.

"E' importante che si dica che la dose giornaliera che è raccomandata oggi, internazionalmente, non esclude nessun paziente dalla carenza di vitamina D, è una dose irrisoria, molto sotto la dose fisiologica.
E allora, quando abbiamo iniziato a dare la dose fisiologica, che è la dose di 10.000 unità giornaliere, cioè la dose che si produce con pochi minuti di esposizione solare, ossia, se hai addosso canottiera e bermuda, con le gambe e le braccia esposte al sole, produrrai in 20 minuti, se hai la pelle chiara e sei giovane, 10.000 unità di vitamina D al giorno.
Allora, 10.000 UI è una dose fisiologica, non è una super dose.
Però la maggior parte dei dottori considerano questa dose potenzialmente tossica."

http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadcoimbraa.htm

Prima di procedere nella conoscenza della vitamina D (ORMONE) consiglio di vedere questo video chiarificatore intitolato:
"Vitamina D, cosa fare quando è carente"
Di questo video mi permetto di modificare il valore nel sangue rilavato in ng/ml che ritengo ottimale non inferiore al 50 ng/ml e non 30 ng/ml come indica invece il dott.
Giuseppe Varcasia.
https://youtu.be/PQ5PjcupVB0

DICE: "lo possiamo sapere soltanto con un dosaggio", E' FALSO, PER SAPERE I VALORI SI DEVE FARE UN ESAME DEL SANGUE, QUESTO:
Fatti fare l'esame del sangue per il controllo della
vitamina D
PARATORMONE
CALCIO
POTASSIO
FERRO
FOSFOREMIA
vitamina B12
MAGNESIO ERITROCITARIO (O INTRAERITROCITARIO)
OMOCISTEINA
Se hai la OMOCISTEINA alta sei a rischio infarto o ictus, quindi alle malattie cardiovascolari legate.
Questa OMOCISTEINA è nei cibi, ma sopratutto è aumentata dalle DROGHE come il TABACCO ed il CAFFE'. Quindi evitarle è TANTA SALUTE.
Una vitamina e precisamente la vitamina B9 (ACIDO FOLICO) è quello che te la fà abbassare. Questo ACIDO FOLICO è nei vegetali, sopratutto nelle verdure a foglia verde che vanno ingoiate CRUDE.
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/omocisteina.htm

Insieme agli esami del sangue, per avere una fotografia completa della tua SALUTE, è IMPORTANTISSIMO il valore del pH delle urine. L'interpretazione è semplicissima, con il pH sotto il 5.5 (ACIDO) il corpo è a disposizione delle malattie, mentre il valore uguale e sopra il 6 (BASICO) le malattie stanno lontano da quel corpo.
Ma insieme non deve mancare una ECOGRAFIA ai RENI per avere la certezza che non vi siano delle CISTI, le quali, come abbiamo visto, possono creare dei disturbi senza dare alcun segnale poichè ASINTOMATICHE. Primo fra questi la IPERTENSIONE, di cui ormai troppe persone ne soffrono.
"I reni, inoltre, producono sostanze che aiutano a tenere sotto controllo la pressione e a fabbricare i globuli rossi."
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/cistirenalipressione.htm

mentre l'altra dice:
"QUALI I SINTOMI DI MALATTIA RENALE?
I sintomi sono precisi. Si parla di sete insistente, di mancanza di appetito, di gonfiori alle mani e ai piedi, di dolori all’inguine e allo stomaco, segnalatori di disordine renale. Si parla di dolori lombari alla bassa schiena o ai fianchi. Si parla di ematuria, ovvero di sangue nelle urine per rottura di qualche ciste. Si parla di ipertensione arteriosa. Si parla di nausea e vomito. Si parla di urine scarse, torbide e colore rosso cupo (anziché acquose trasparenti o giallo paglierino). Le irritazioni hanno come causa comune la presenza nel sangue di sostanze estranee introdotte con nutrizione sballata per via nasale, orale e cutanea.
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/reniilcentro.htm

e sono certo che oltre che avere il COLESTEROLO ALTO hai anche CARENZA di vitamina D poichè questi hanno un legame imprenscindibile, data la necessità del COLESTEROLO per AUTOPRODURRE questa vitamina D. Te lo dice la dottoressa e lo trovi sopra.
MENTRE PER I VALORI 30 E 50 ng/ml è FALSO, POICHE' QUESTI VALORI SONO STATI FISSATI DALLA MEDICINA SPERIMENTANDO SU PERSONAGGI SCORBUTICI E CIOE' "CARENTI" DI ACIDO ASCORBICO IL QUALE METTE IL CORPO IN CONDIZIONE DI ESSERE AL TOP E QUINDI COME STABILITO DA MADRE NATURA E LA EVOLUZIONE. Il valore nel sangue di massimo deve essere 70 ng/ml come indicato:  "In persone in buona salute, i livelli di calcidiol sono normalmente fra 32 - 70 ng/mL (80 - 175 nmol/L)"
che trovi sotto nell'articolo.
"che però STRIDONO con i valori rilevati alla sign.ra Maria che sono esattamente 780 ng/ml.
VITAMINA D TOTALE (25-OH D)             780 ng/ml                       (30.0-74.0)"
ED I NOSTRI, DI FRANCA E ME CHE ABBIAMO DEI VALORI PIU' O MENO SIMILI:
"Esami in data 17-07-2015
COLESTEROLO TOTALE                            180  mg/dl                      (110-200)
PARATORMONE INTACT(1.84 PTH)        27.5 pg/ml                      (6.5-42)
VITAMINA D TOTALE (25-OH D)             121  ng/ml                       (30.0-74.0)"
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/esamemariucciapal.htm

Avendo ottenuto questo valore e sapendo che il valore nel sangue di massimo deve essere 70 ng/ml come indicato:  "In persone in buona salute, i livelli di calcidiol sono normalmente fra 32 - 70 ng/mL (80 - 175 nmol/L)" Quindi passiamo sicuramente a 5000 UI pari a 20 gocce giornaliere monitorando il valore appena sotto i 70.

All'inizio delle assunzioni di ACIDO ASCORBICO può venire la diarrea, ma questa NON è il segnale della TI (Tolleranza Intestinale), come ERRONEAMENTE si può leggere sul web e riportato dal Linus Pauling, Cathcart e altri, poichè di questa vitamina D3 non ne erano al corrente visto che non ne parlano e quindi si sono dedicati all'ACIDO ASCORBICO, ma è il chiaro segnale di CARENZA di vitamina D3.
Sono certo che se l'individuo cui si presenta questo fatto, si fà fare l'esame del sangue il valore rilevato è sotto 15 con valore di riferimento 30-100.
Questa esperienza è di molti insieme a me.
Al mattino andavo anche 4-5 volte al bagno e quasi sempre liquido, a volte acqua, ed ho sempre pensato che fosse causato di un cibo contenente qualche tossina. 
Per esempio se mangiavo cioccolato, oppure mi prendevo un gelato ecc.
Ora da quando sono passato a 40 gocce pari a 10000 UI in bagno vado una volta sola, al massimo due e sempre con feci fatte e mai liquide.
Mi sono stupito parecchio di questo fatto, tanto ero abituato come sopra.
Me lo ha fatto capire l'articolo con la descrizione delle eventuali controindicazioni scritto da Leonardo Rubini su questa pagina: 
Clicca QUI
Quindi rilevato il valore di questa vitamina D3, e dopo aver iniziato ad ingoiarla in dosi di 10000 UI giornalieri, come è consigliato dal dottor Coimbra, questo disguido và automaticamente ad eliminarsi.
Devo informare che la vitamina D come la vitamina E è IPOSOLUBILE, quindi oleosa e prima che dia dei risultati devve passare un certo periodo.
Questo ce lo riporta Linus Pauling parlando della vitamina E da lui trattata perchè riporta la storia della famiglia Shute padre e due figli tutti e tre dottori che hanno guarito molte persone usando questa vitamina:
"Si ritiene invece che la VITAMINA E, in dosi che vanno da 50 UI a 2500 UI al giorno possa prevenire e guarire malattie cardiache compreso il DIABETE."
Queste le parti che possono rendere l'idea. L'informazione complete e la fonte da pagina 160/340 a pagina 170/340 su questo link:
Clicca QUI

Si è trovato questo articolo molto recente del sito Mypersonaltrainer sulla vitamina D, che sinceramente mi lascia parecchio perplesso.
Ho sempre avuto un buon riscontro su queste pagine, quindi il massimo rispetto, ma oggi devo proprio dire che chi gestisce questo sito mi HA DELUSO nel vero senso della parola.
Mi permetto di dirlo in seguito ad alcune REALI CONSIDERAZIONI:
Prima di tutto non ho ancora capito se lo scrivente si è reso conto di quanto sia importante il SOLE per TUTTI gli esseri viventi poichè questo SOLE è sorgente di vita.
Fissato questo non riesco a capire il perchè le tabelle riportate.
Mi spiego meglio, noi abbiamo certezza che ognuno di noi è a sè, in quanto come LABORATORI CHIMICI ognuno di noi ha dei processi diversi, quindi anche dei fabbisogni diversi.
Non solo, ma abbiamo CERTEZZA che ognuno di noi ha delle CARENZE diverse quindi un fabbisogno diverso di ognuno di questi "ALIMENTI ESSENZIALI".
Però abbiamo anche CERTEZZA che per l'AUTOPRODUZIONE di vitamina D (ORMONE) è necessario il COLESTEROLO già AUTOPRODOTTO dal fegato, ma che per trasmutare questo in vitamina D (ORMONE) è indispensabile il SOLE con i suoi raggi UV.
Ho anche CERTEZZA che per questi "ALIMENTI ESSENZIALI" non si possa quantificare il fabbisogno proprio per questa differenza tra gli esseri viventi
Un'altra CERTEZZA è che per i bambini il SOLE sia ancora più necessario, quindi il fabbisogno di vitamina D, dato il suo legame alla crescita, quindi alla formazione delle ossa di cui conosciamo il RACHITISMO se in CARENZA:
"""la quarta è il RACHITISMO con la vitamina D (COLECALCIFEROLO)

"Il rachitismo è una malattia tipica dell'età pediatrica ed è causato da un difetto di ossificazione della matrice osteoide di nuova formazione, soprattutto a livello delle cartilagini di coniugazione e delle zone di calcificazione provvisoria. Il rachitismo colpisce sia gli uomini che gli animali nei primi mesi di vita. Il termine viene usato anche in botanica per descrivere le piante sviluppatesi irregolarmente a causa di parassiti o di carenza di elementi nutritivi.
Cause
Metabolismo della vitamina D
Al centro dell'eziopatogenesi del rachitismo si trovano alterazioni del metabolismo osseo e della vitamina D. La Vitamina D3 viene prodotta per il 90% a livello cutaneo dal colesterolo attraverso l'azione dei raggi UVA solari e solo per il 10% viene introdotta con la dieta. La vitamina D3 o Colecalciferolo deve subire alcune trasformazioni prima di essere attiva. La prima modificazione avviene a livello epatico dove subisce una prima idrossilazione in posizione 25 da parte di una 25-idrossilasi epatica. Il prodotto di questa idrossilazione è una 25-OH-vitamina D3 la quale non ha ancora alcuna attività se non quella di inibire, con un meccanismo a feedback negativo la 25-idrossilasi epatica. Questo permette di regolare le quantità circolanti di 25-OH-vitamina D3 indipendentemente dalla disponibilità di Vit D3."""

http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/vitaminadrachitismo.htm

Senza contare i danni che causa la CARENZA di questa "SPECIALE ORMONE" vitamina D.
La malattia più evidente è la OSTEOPOROSI di cui soffrono ormai, non solo gli anziani, ma anche alla media età, che se continuiamo ad esserne carenti ed usare le CREME SOLARI toccherà presto anche ai bambini.
"""Oggi 30/04/2011 prima che tu legga delle CREME VARIE: antirughe, per il viso, per il corpo, solari e chi più ne ha più ne metta, voglio proporti un ragionamento che ti renderà possibile la valutazione di tutti questi "PRODOTTI CHIMICI", anche quelli comprati in erboristeria e dichiarati come naturali. Quando il tuo cervello determina che una parte del tuo corpo ha bisogno di un piccolo ritocco o ritieni di doverlo proteggere dai raggi solari, il tuo pensiero và subito ai vari prodotti che hai registrato in un angolo del cervello. Non pensi lontanamente che tutto ciò che ti ha colpito: la forma, il colore ed nome del prodotto scritto sul vasetto contenitore, la pubblicità fatta dalla casa produttrice, le parole così convincenti e poi il detto "se costa caro vale molto"; tutto questo è fatto in modo da poterti influenzare nelle scelta indirizzandoti verso un prodotto piuttosto che verso un altro. Sicuramente non ti passa neanche lontanamente nel cervello di farti la domanda che mi permetto di farti ora:
IL PRODOTTO CHE USI O DEVI COMPRARE, CHE SAI ESSERE UN "PRODOTTO CHIMICO", lo mangeresti? NOOOOOOOOOOO???????
Ti chiedo "ma perchè no????" Questo te lo dico io:
Hai paura che ingerendolo ti possa fare male. Ma NON hai mai pensato che sotto il piccolissimo strato di pelle hai la carne che fà parte del tuo corpo? Lo sai che la tua pelle tramite i pori respira e si nutre di ciò che le viene spalmato e quindi quei "PRODOTTI CHIMICI" che non ingerisci mettendoli in bocca, glieli fai avere attraverso la pelle? Cosa pensi che possano fare alla tua pelle ed alla tua salute "QUESTE CREME"?
A TE LA RISPOSTA."""
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/cremesolari.htm

A tutto quanto detto sopra, dobbiamo aggiungere che ormai moltissimi studi  riportano la ESSENZIALITA' di questa vitamina D (ORMONE) nell'organismo di ogni essere vivente, ma non solo, un dottore di nome Coimbra ci prova e ci dice che il bisogno giornaliero è molto superiore a quanto scritto nelle tabelle dell'articolo indicando come indispensabile 10000 UI anzichè il massimo fissato dalla tabella in 600 UI.
Di questo fabbisogno ormai molti di noi ne hanno riscontrato l'utilità senza problema alcuno.
Non capisco che l'articolo invece non consigli un CONTROLLO A TAPPETO di questa carenza invece di fissare dei paletti DEMONIZZANDO ciò che è la NOSTRA VITA.
Il mio augurio più sincero è che chi del sito questo controllo non se lo faccia mai.
Anche solo tenendo conto che la malattia OSTEOPOROSI è INGUARIBILE se non ingoiando questi "ALIMENTI ESSENZIALI" di cui questa vitamina D dovrebbe addirittura essere AUTOPRODOTTA, quindi a disposizione del corpo OGNI MINUTO, non sò verso cosa voglia portarci questo articolo VERGOGNOSO.
LA MALATTIA CERTA PIU' DI QUANTO E' GIA' OGGI?
Detto questo posso solo tirare la conclusione che lo scrivente ci stia PRENDENDO PER I FONDELLI, non solo ma VERGOGNOSAMENTE si dimostra dalla parte di chi ci vuole MALATI.
A smentire quanto dichiarato riporto gli esami della nostra amica Maria che si rileva un valore di
VITAMINA D TOTALE (25-OH D)             780 ng/ml                       (30.0-74.0)
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/esamemariucciapal.htm

Leggendo poi la pagina del dottor Angelo Bona quanto riportato da questa pagina sotto è pienamente smentita, il quale scrive:. 
"La vitamina D (25OHD) a 100 ng/ml è priva di effetti collaterali ed è il più importante rimedio preventivo del mondo. Purtroppo non costa nulla o quasi e questo da fastidio alle lobbies del business che speculano sulla malattia!".
...e cliccando sul "DNA VITAMIN D S TEST" finendo sulla pagina successiva si legge: "Portando il dosaggio di vitamina D a 90ng/ml o 180 nmol/L ci assicuriamo l'attivazione di immense risorse immunologiche, anticancro, antineurodegenerative, antiaging, antipanico, antidepressive ecc."
confermando che gli alti dosaggi SONO BENEFICI al contrario di quanto dichiara questo articolo sotto.

A conferma della DEMONIZZAZIONE della vitamina D da parte di queste tabelle sotto riportate, è il semplice fatto che non sò con quale criterio avrà progettato Madre Natura riportandole nel DNA di ognuno di noi che secondo la età raggiunta, il tempo di esposizione al sole di OGNI GIORNO (se vivessimo allo stato libero NORMALE come da LEI progettato) onde poterci far produrre valori di vitamina D secondo le tabelle incriminate.
IMPENSABILE E DEGRADANTE per un cervello NORMALE.
Il caso ancora più strano sono gli UI che alla fine, passando per dosi di 200 UI = 5 mcg a dosi di 400 UI = 10 mcg finiscono a dosi di 600 UI = 15 mcg perfettamente entro la dose massima raccomandata di 25 mcg pari a 1000 UI dalla R.G.R.
Questo è veramente INDISPONENTE.
La pagina recita:
vitamina D                               mcg 25
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/razionerg.htm

e perfettamente coerente con il protocollo medico che prevede 25 gocce settimanali della Dibase 1000 UI gocce, oppure della Dibase 25000 UI una volta al mese e 100000 UI.
Della Dibase 10000 UI gocce il cui contenuto di UI in ogni goccia è pari a 250, rilevabile dal bugiardino fanno 6250 UI diviso 7 giorni al giorno fanno 893 UI.
Mentre della Dibase 25000 UI, dividendoli per 30 fanno 833 UI, molto simile all'altro protocollo.
Mi permetto di condannare questo comportamento in quanto Madre Natura ci fà nascere nudi e dovremmo vivere in mezzo alle campagne come tutte le specie animali, quindi esponendosi al sole ogni volta che sorge AUTOPORODUCENDOSI questa vitamina D OGNI GIORNO, per il fabbisogno quotidiano, quindi non capisco l'ingoiare una volta alla settimana o una volta al mese.
Noi che la ingoiamo, lo facciamo ogni giorno.

"Fabbisogno quotidiano di vitamina D
Il fabbisogno quotidiano di vitamina D viene espresso in termini di Adequate Intake (AI), piuttosto che di RDA.
Il Recommended Daily Allowance (RDA) indica il livello di assunzione media giornaliera sufficiente a coprire il fabbisogno della quasi totalità (97-98%) della popolazione. Per alcuni nutrienti, tuttavia, non è possibile stabilire con esattezza questo valore; è il caso, ad esempio, della vitamina D, dove le richieste alimentari sono strettamente legate al grado di esposizione solare. Per questo ed altri nutrienti vengono quindi stabiliti i cosiddetti AI, cioè i livelli di assunzione adeguati, che nel caso della vitamina D si considerano sufficienti per mantenere la saluta ossea ed i normali equilibri ematici di calcio (calcemia), anche in assenza di esposizione solare:

Età                   Bambini                    Uomini                 Donne                   Gravidanza                   Lattazione
Dalla nascita 5 mcg (200 IU)
a 13 anni
14-18 anni                                          5 mcg                   5 mcg                        5 mcg                            5 mcg                
                                                         (200 IU)                (200 IU)                    (200 IU)                       (200 IU)        

19-50 anni                                          5 mcg                   5 mcg                       5 mcg                            5 mcg
                                                          (200 IU)               (200 IU)                    (200 IU)                       (200 IU)

51-70 anni                                         10 mcg                 10 mcg
                                                          (400 IU)                (400 IU)

71+ anni                                             15 mcg                 15 mcg
                                                           (600 IU)               (600 IU)

Dove 40 IU (unità internazionale) equivalgono ad 1 mcg.
Rischi di tossicità da sovradosaggio
Come per tutte le vitamine liposolubili, anche per la vitamina D esiste un concreto rischio di tossicità da sovradosaggio. Tale evenienza si manifesta con sintomi piuttosto aspecifici, come nausea, vomito, mancanza di appetito, costipazione, debolezza e perdita di peso; nei casi più gravi si viene ad instaurare una condizione di ipercalcemia tale per cui il paziente può accusare disturbi psicologici (depressione, stato confusionale, apatia, letargia fino al coma) ed aritmie cardiache. Dosi elevate di vitamina D, specie in associazione con supplementi di calcio, aumentano il rischio di sviluppare calcoli renali, mentre apporti elevati per lunghi periodi di tempo possono determinare calcificazioni dei tessuti molli (come i reni o i tendini).
Il rischio di intossicazione da vitamina D per eccessiva esposizione solare non sussiste, così come è remoto il pericolo di intossicazione alimentare (a meno che non vengano consumate con regolarità dosi importanti di olio di fegato di merluzzo). Più probabile, invece, incappare in problemi di tossicità derivanti da un esagerato consumo di integratori alimentari.
Per la vitamina D è stato fissato un UL (Upper Limit intake) pari a:

Età                     Bambini                   Uomini                  Donne                 Gravidanza              Lattazione
0-12 mesi     25 mcg (1,000 IU)
1-13 anni     50 mcg (2,000 IU)                                              
14+ anni                                            50 mcg                   50 mcg                      50 mcg                     50 mcg
                                                         (2,000 IU)               (2,000 IU)              (2,000 IU)                (2,000 IU)

I valori riportati in tabella (UL) rappresentano i limiti di assunzione massimi che presumibilmente non danno alcun pericolo di tossicità a persone sane. Pertanto, il superamento cronico di questi limiti aumenta in maniera sensibile il rischio di effetti collaterali da sovradosaggio; l'aggettivo cronico è importante, poiché ingestioni occasionali di dosi anche notevolmente superiori, non causano fenomeni di tossicità acuta.
Dosaggio di assunzione
Rispettare innanzitutto le indicazioni riportate sul foglietto illustrativo, sull'etichetta dell'integratore e non eccedere le dosi consigliate. Discutere preventivamente con il proprio medico o farmacista l'opportunità di assumere integratori di vitamina D, in quali dosi e per quanto tempo. Nella prevenzione e nel trattamento dell'osteoporosi viene generalmente prescritta un'integrazione regolare di 400/800 IU di vitamina D3 e 600/1200 mg di calcio al giorno.
Condizioni come calcoli renali, iperparatiroidismo e concomitante terapia con antiacidi, digossina o antibiotici tetraciclinici (tetraciclina, demeclociclina, doxiciclina, minociclina o oxitetraciclina), possono rendere controindicata l'assunzione di integratori di vitamina D o richiedere un aggiustamento della dose.
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/vitaminadpericolosa.htm

In contrapposizione a quanto dichiarato sopra, ecco la pagina che ci parla della INTOSSICAZIONE e ne indica i rimedi. Una pagina medica che conferma:
"Una valutazione del rischio 2007 è stata fatta da due impiegati del Consiglio di associazione commerciale di supplemento dietetico per Nutrizione Responsabile e dai loro due colleghi, che hanno dichiarato che hanno avuti conflitti di interessi non personali o finanziari. Hanno suggerito che 250 microgrammi/giorno (10.000 IU) in adulti in buona salute dovrebbero essere adottati come il limite superiore tollerabile."
ed il dottor Coimbra dice:
"E' importante che si dica che la dose giornaliera che è raccomandata oggi, internazionalmente, non esclude nessun paziente dalla carenza di vitamina D, è una dose irrisoria, molto sotto la dose fisiologica.
E allora, quando abbiamo iniziato a dare la dose fisiologica, che è la dose di 10.000 unità giornaliere, cioè la dose che si produce con pochi minuti di esposizione solare, ossia, se hai addosso canottiera e bermuda, con le gambe e le braccia esposte al sole, produrrai in 20 minuti, se hai la pelle chiara e sei giovane, 10.000 unità di vitamina D al giorno.
Allora, 10.000 UI è una dose fisiologica, non è una super dose.
Però la maggior parte dei dottori considerano questa dose potenzialmente tossica."
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadcoimbraa.htm

Come si è rilevato sopra entrambi gli articoli riportano il valore in UI da ingoiare giornalmente di 10000, come lo indica anche il dottor Coimbra.

Però dalla mia personale esperienza vissuta nei giorni scorsi, con Franca, dato che abbiamo raggiunto il valore di vitamina D superiore a 70 rispetto ai valori consigliati: "
i livelli di calcidiol sono normalmente fra 32 - 70 ng/mL (80 - 175 nmol/L),", e dato che non abbiamo patologie da guarire, ci manterremo sui 5000 UI giornalieri, pari a 20 gocce della Dibase, continuando a monitorare il valore che ne otterremo cercando di mantenerci verso i 70 ng/ml. o 175 nmol/L. e sicuramente non superiore.

Devo comunicare inoltre che per chi non ingoia l'ACIDO ASCORBICO e scopre di avere i valori di vitamina D sotto i 30 ng/ml, di ingoiare la quantità consigliata dal loro medico, per poi rifare l'esame alcuni mesi dopo per vedere se i risultati sono migliorati e comportarsi di conseguenza. E' logico che stare verso i 70 ng/ml è molto più salutare.
Per chi ingoia invece l'ACIDO ASCORBICO se vuole seguire le nostre dosi deve rifare i controlli regolarmente in modo da monitorare ugualmente i sui valori, come faremo noi

Mi permetto di dire a chi ingoia dosi superiori a 5000 UI, dato che la vitamina D immagazzinata può poi portare alla INTOSSICAZIONE come sotto descritto, come dice la pagina:
"Il punto SECONDO rende comprensibile a tutti che NON PUO' esservi un eccesso di questo ORMONE in quanto il corpo, CHE NON E' STUPIDO, col fegato lo rende IDROSOLUBILE, " la prima volta dal fegato diventa idrosolubile e quindi la quantità in eccesso è regolata e smaltita con le urine per cui sembra difficile avere effetti indesiderati".
"La quantità eventualmente in eccesso viene immagazzinata nel fegato e nel tessuto adiposo pronta per essere usata quando ve ne fosse bisogno. Dopo che è stata idrossilata la prima volta dal fegato diventa idrosolubile e quindi la quantità in eccesso è regolata e smaltita con le urine per cui sembra difficile avere effetti indesiderati se la funzionalità renale è buona e il PTH si mantiene su livelli accettabili."
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadmalattie.htm

quindi se di notte ci si sveglia per andare a fare la pipì, oppure questa è un evento superiore alla media, questi sono sintomi di INTOSSICAZIONE, quindi è meglio cessare di ingoiarla.
Altro sintomo è la IPERTENSIONE, pressione alta. Questo segnale non viene reso noto da alcun sintomo, ma è meglio provarsela ogni tanto. Anche in questo caso è bene cessare di ingoiarla.
La nausea ed il senso del vomito sono altrettanto segnali di INTOSSICAZIONE, quindi cessare del tutto è moltissimo salutare. 
In caso di questi sintomi è bene farsi fare un esame onde poter trarre delle conclusioni sensate e stabilire delle dosi appropriate.

"La Vitamina D è memorizzata nel corpo umano come calcidiol (25-hydroxy-vitamin D) che ha un grande volume di distribuzione e un'emivita dei circa 20 - 29 giorni. Livelli del Siero di calcidiol (25-hydroxy-vitamin D) sono usati tipicamente per diagnosticare la dose eccessiva di vitamina D. In persone in buona salute, i livelli di calcidiol sono normalmente fra 32 - 70 ng/mL (80 - 175 nmol/L), ma questi livelli può essere fino alla volta 15 maggior nei casi della tossicità di vitamina D. Livelli del Siero di ormone bioactive di vitamina D (1,25 (OH2) D) sono solitamente normali nei casi della dose eccessiva di vitamina D., ma questo è osservato da alcuni ricercatori come antiquato ed eccessivamente restrittivo.

Una valutazione del rischio 2007 è stata fatta da due impiegati del Consiglio di associazione commerciale di supplemento dietetico per Nutrizione Responsabile e dai loro due colleghi, che hanno dichiarato che hanno avuti conflitti di interessi non personali o finanziari. Hanno suggerito che 250 microgrammi/giorno (10.000 IU) in adulti in buona salute dovrebbero essere adottati come il limite superiore tollerabile. In ratti un LD50 orale di 619 mg/kg è notato. Tutti I casi conosciuti della tossicità di vitamina D con il hypercalcemia hanno compreso l'assunzione oltre di 1.000 microgrammi/giorno (40.000 IU) se contenuto un tentativo di aumentare i livelli di vitamina D. La Maggior Parte delle casse storiche ufficiale-registrate della dose eccessiva di vitamina D hanno accaduto dovuto la fabbricazione e gli infortuni sul lavoro. Negli Stati Uniti, l'esposizione della dose eccessiva della vitamina D è stata riferita da 284 persone nel 2004 (un anno a caso selezionato), piombo a 1 morte.

Alcuni sintomi della tossicità di vitamina D sono un risultato del hypercalcemia (un livello elevato di calcio nel sangue) causato da assorbimento intestinale aumentato del calcio. La tossicità di Vitamina D è conosciuta per essere una causa di ipertensione. I sintomi Gastrointestinali della tossicità di vitamina D possono comprendere l'anoressia, la nausea ed il vomito. Questi sintomi sono seguiti spesso dalla poliuria (eccessiva produzione di urina), dalla polidipsia (sete aumentata), dalla debolezza, dal nervosismo, dal prurito (prurito) e finalmente dall'insufficienza renale. Altri segnali della malattia renale compreso proteina elevata livella nell'urina, colate urinarie e un'accumulazione degli sprechi nella circolazione sanguigna può anche svilupparsi. Un Altro studio indicato ha elevato il rischio di malattia di cuore ischemica quando 25D era superiore a 89 ng/mL. La tossicità di Vitamina D è trattata interrompendo il completamento di vitamina D e limitando l'assunzione del calcio. Se la tossicità è severa i livelli del calcio di sangue possono più ulteriormente essere diminuiti con i corticosteroidi o i bifosfonati. In alcuni casi il danno del rene può essere irreversibile. Secondo alcune sorgenti, la produzione endogena con l'esposizione completa dell'organismo a luce solare è circa 250 µg (10.000 IU) al giorno.

I leganti di VDR sono stati indicati per aumentare l'attività delle celle di uccisore naturali e migliorano l'attività fagocitica dei macrofagi. La carenza di Vitamina D tende ad aumentare il rischio di infezioni, quali influenza e la tubercolosi. In uno studio 1997, i bambini Etiopici con il rachitismo erano 13 volte più probabili da ottenere la polmonite che i bambini senza rachitismo.

Gli Effetti dei VDR-leganti, quale l'ormone di vitamina D, sulle Cellule T comprendono la soppressione dell'attivazione A cellula T e l'induzione delle celle di T regolarici come pure degli effetti sui reticoli della secrezione di citochina. i VDR-leganti egualmente sono stati indicati a maturazione, a differenziazione ed a migrazione di influenza delle celle dentritiche ed inibisce l'attivazione A cellula T CC-dipendente, con conseguente stato globale di immunosoppressione.

Questi beni immunoregulatory indicano che i leganti con il potenziale di attivare il VDR, compreso il completamento con il calcitriol (come pure una serie di modulatori sintetici), possono avere applicazioni cliniche terapeutiche nel trattamento delle malattie infiammatorie (artrite reumatoide, artrite psoriatica), delle circostanze dermatologiche (psoriasi, cheratosi attinica), dell'osteoporosi, dei cancri (carcinoma spinocellulare della prostata, del colon, del petto, della mielodisplasia, di leucemia, della testa e del collo e basalioma) e delle malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, tipo diabete di I); malattie dei sistemi nervosi centrali (sclerosi a placche); e nell'impedire rifiuto del trapianto di organi. Ulteriore ricerca condotta nel 2009 indica che la vitamina D è richiesta per attivare un gene di istocompatibilità (HLA-DRB1*1501) necessario per la differenziazione fra l'auto e le proteine non Xeros in un sottogruppo di persone geneticamente predisposte a Sig.ra Suggerimenti che le donne incinte catturano la vitamina D durante la loro gravidanza, particolarmente durante i periodi invernali, stia cominciando a mostrare il merito per diminuire la probabilità del bambino che sviluppa successivamente il MS nella vita.
Cancro

L'ormone di vitamina D, calcitriol, è stato trovato per indurre la morte delle cellule tumorali “in vitro„ e “in vivo„. L'attività anticancro della vitamina D è pensata per derivare dal suo ruolo come fattore di trascrizione nucleare che regolamenta la crescita delle cellule, la differenziazione, il apoptosis ed una vasta gamma di meccanismi cellulari centrali allo sviluppo di cancro. Questi effetti possono essere mediati tramite i ricevitori di vitamina D espressi in cellule tumorali. Un esame scientifico intrapreso dall'Istituto Nazionale contro il Cancro ha trovato che la vitamina D era utile nell'impedire il cancro colorettale, che ha mostrato una relazione inversa con i livelli di sangue di 80 nmol/L o più su si è associato con una riduzione di rischio di 72%. Tuttavia, lo stesso studio non ha trovato collegamento fra stato di vitamina D del riferimento e cancro globale “la mortalità„.

Uno studio 2006 facendo uso dei dati sopra oltre 4 milione malati di cancro da 13 paesi differenti ha evidenziato una profonda differenza nel rischio di cancro fra i paesi classificati come soleggiato ed i paesi classificati come meno soleggiati per una serie di cancri differenti. La Ricerca egualmente ha suggerito che malati di cancro che hanno la chirurgia o trattamento nell'estate - e quindi faccia la vitamina D più endogena - avere una migliore probabilità della sopravvivenza del loro cancro che coloro che subisce il trattamento nell'inverno in cui sono esposte a meno luce solare. Un Altro studio 2006 ha trovato che quello catturare gli Stati Uniti RDA della vitamina D (400 IU al giorno) ha tagliato il rischio di cancro del pancreas da 43% in un campione di più di 120,000 persone da due indagini di salubrità di lungo termine. Uno studio ripartito con scelta casuale di intervento che fa partecipare 1.200 donne, pubblicate nel giugno 2007, riferisce che il completamento di vitamina D (1.100 unità internazionali (IU)/giorno) ha provocato un rapporto di riproduzione di 60% dell'incidenza del cancro, durante il test clinico quadriennale, aumentante ad un rapporto di riproduzione di 77% per i cancri diagnosticati “dopo„ il primo anno (e quindi a parte quei cancri più probabilmente nascere prima dell'intervento di vitamina D). La Ricerca egualmente ha indicato gli effetti benefici degli alti livelli del calcitriol sui pazienti con carcinoma della prostata avanzato.

I Bassi livelli di vitamina D in siero egualmente sono stati correlati con la progressione di malattia del cancro al seno e disossano le metastasi, Polimorfismi del gene del ricevitore (VDR) di vitamina D sono stati associati con un rischio aumentato di cancro al seno. Il Danno dell'espressione genica VDR-mediata è pensato per alterare lo sviluppo della ghiandola mammaria o per funzionare e può predisporre le celle a trasformazione maligna. Le Donne con le mutazioni omozigotiche FOK1 nel gene di VDR hanno fatte rispetto un rischio aumentato di cancro al seno alle donne che non hanno fatto. La mutazione FOK1 egualmente è stata associata con densità minerale ossea diminuente che a loro volta può essere associata con un aumento nel rischio di cancro al seno.

L'Associazione del Cancro Canadese era la prima da raccomandare, nel 2007, che tutti i sui cittadini adulti cominciassero a catturare 1.000 (IU) al giorno della vitamina D. La latitudine nordica del paese era un fattore nella decisione, come era l'organismo crescente di prova che mostra l'efficacia della vitamina nell'abbassamento delle istanze di cancro.
Malattia cardiovascolare

La Ricerca indica che la vitamina D può svolgere un ruolo nell'impedire o nell'inversione della malattia coronarica. La carenza di Vitamina D è associata con un aumento nell'ipertensione e nel rischio cardiovascolare. I Numerosi studi d'osservazione mostrano questo collegamento, ma nessuna prova ripartita con scelta casuale ha provato l'impatto del completamento di vitamina D. Il meccanismo preciso per il regolamento cardiovascolare è ancora in esame; le possibilità comprendono il regolamento di pressione sanguigna con il sistema renina-angiotensina, i livelli di ormone paratiroidali, l'impatto diretto sulla funzione di muscolo del cuore, l'infiammazione e la calcificazione vascolare.

Quando i ricercatori hanno riflesso i livelli di vitamina D, la pressione sanguigna ed altri fattori di rischio cardiovascolari di 1739 persone, di un'età media di 59 anni per 5 anni, hanno trovato che quella gente con i bassi livelli di vitamina D ha avuta un elevato rischio di 62% di un evento cardiovascolare che quelli con i livelli normali di vitamina D. I Bassi livelli di vitamina D egualmente sono stati implicati nell'ipertensione, nei trigliceridi elevati di VLDL e nel metabolismo alterato dell'insulina.

Un rapporto dall'Indagine Nazionale dell'Esame di Nutrizione e di Salubrità (NHANES) che fa partecipare quasi 5.000 partecipanti ha trovato che i bassi livelli di vitamina D sono stati associati con un rischio aumentato di malattia periferica dell'arteria (PAD). L'incidenza del CUSCINETTO era 80% più su in partecipanti con i più bassi livelli di vitamina D (<17.8 ng/mL). Gli Attacchi di cuore alzano nell'inverno e diminuiscono di estate nelle latitudini temperate ma non tropicali.

L'emissione della vitamina D nella salubrità del cuore ancora non è stata sistemata. L'Esercizio può rappresentare alcuno del vantaggio attribuito alla vitamina D, poiché i livelli elevati di vitamina D sono generalmente in persone fisicamente attive. Inoltre, ci può essere un limite superiore dopo di che declino cardiaco dei vantaggi. Uno studio ha trovato un rischio elevato di malattia di cuore ischemica in India Del Sud in persone di cui i livelli di vitamina D erano superiore a 89 ng/mL. Lo studio valutato se i bassi livelli di vitamina D del siero sono stati associati con la mortalità di tutto causa, il cancro e la mortalità (CVD) della malattia cardiovascolare fra 13.331 diverso adulto Americano che erano di 20 anni o più vecchi. I livelli di Vitamina D di questi partecipanti sono stati raccolti su un periodo di sei anni (dal 1988 al 1994) e le persone sono state seguite passivamente per la mortalità con l'anno 2000.

Fra molti fattori che possono essere responsabile dell'effetto benefico evidente della D della vitamina sulla mortalità di tutto causa è il suo effetto sui telomeres ed il suo effetto potenziale sul rallentamento dell'invecchiamento. La Riduzione dei telomeres del leucocita è un indicatore di invecchiamento. Leucocita che lunghezza del telomere (LTL) predice lo sviluppo della malattia in relazione con l'invecchiamento e lunghezza di questi telomeres diminuisce con ogni divisione cellulare e con infiammazione aumentata (più comune negli anziani). Ricerchi indica che la vitamina D è un inibitore potente della risposta proinflammatory e rallenta il volume d'affari dei leucociti.

I livelli elevati di vitamina D egualmente sono stati associati con la lunghezza più lunga del telomere del leucocita, indicante che la sufficienza di vitamina D può svolgere un ruolo nell'impedire le malattie relative all'età.

Se l'italiano è la tua lingua leggi sotto.
Se hai cliccato sul traduttore e vuoi leggere la pagina nella tua lingua clicca sulla riga.

il link è: http://www.news-medical.net/health/Vitamin-D-Overdose-%28Italian%29.aspx

                         Sai cosa è il CLORURO DA MAGNESIO ? vai su
                                 
    http://clorurodimagnesio.altervista.org/

                                Ecco invece i siti che potrebbero cambiarti la VITA
                                                      www.dr-rath-foundation.org
                                                      www.massimopietrangeli.net
                                         www.aerrepici.org/forum/forum.asp?FORUM_ID=1

I link che NON ti devi perdere sono: cliccaci sopra poi te li leggi con comodo.

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lapelle.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esperienze.htm

Se NON hai ancora visitato il nostro sito ti consiglio di visitarlo e per capire cosa è l'ACIDO ASCORBICO devi leggere le pagine più importanti che sono: CHI SIAMO, LA DONNA,
SITO SECONDO, SITO TERZO, SITO QUARTO, SITO SESTO,
SITO DECIMO.

                           Quindi clicca per SAPERNE di più sull'ACIDO ASCORBICO
                         
oppure:
                                    http://acidoascorbico.altervista.org/index.html