Per sapere il motivo di queste integrazioni, oltre la mia esperienza, clicca QUI
Per sapere cosa è il PRIMO FLAGELLO umano che si chiama CAFFE'
clicca
QUI Leggi quanto riporta il sito PAGINE MEDICHE "area medica" della CAFFEINA Clicca QUI inoltre è un INSETTICIDA Clicca QUI e lo ZUCCHERO: dannoso e tossico come il CAFFE', l'ALCOOL ed il TABACCO Clicca QUI  Per tutta la documentazione in nostro possesso clicca QUI

Per la definizione degli "ALIMENTI ESSENZIALI"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/alimentiessenzialicosasono.htm

Tutto sul MAGNESIO
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiobase.htm

Tutto sulla vitamina D
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadbase.htm

Per la vitamina K2 e la sua essenzialità
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/vitaminaK2base.htm

Per il SILICIO ORGANICO, secondo elemento sul pianeta, quindi indispensabile per ogni essere vivente
http://acidoascorbico.altervista.org/prova04/Immagini/silicioorganicoevitaminaK2.htm

Per la IPERPOTASSEMIA o IPERKALIEMIA vedi anche
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/potassioiperb.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/potassioiperc.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/potassioictus.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/potassioiperb.htm

Riguardo al POTASSIO ed alla parola IPERPOTASSEMIA, oltre la dimostrazione pratica, di cui gli esami del sangue sotto riportati, ecco un altro articolo che determina senza ombra di dubbio che quest parola è puramente inventata dalla medicina per scopi tutt'altro che per la salute umana.
L'articolo ij oggetto recita:
"
Il Potassio si prende cura delle nostre Arterie
Numerosi studi in vitro su animali suggeriscono che integrare elevate quantità di Potassio serve a proteggerci dalle malattie cardiovascolari. Ad esempio, è stato evidenziato, su animali ipertesi, che il Potassio permette di ridurre i Lipidi nel Sangue e nei vasi Sanguigni."

che è esattamente il contrario di quanto si è letto fin'ora sul web di questo importantissimo "ALIMENTO ESSENZIALE" che fà parte del sangue animale, quindi anche quello umano.
La dice lunga il fatto che per il medico di base sia necessario il controllo ogni volta che prescrive un esame del sangue, come vediamo sotto.
Come potrebbe essere diverso?
Non solo, ma l'articolo recita anche:
"
Numerosi studi in vitro su animali suggeriscono che integrare elevate quantità di Potassio serve a proteggerci dalle malattie cardiovascolari. Ad esempio, è stato evidenziato, su animali ipertesi, che il Potassio permette di ridurre i Lipidi nel Sangue e nei vasi Sanguigni.
Inoltre impedisce ai Macrofagi di aderire alla parete Arteriosa. I Macrofagi sono delle Cellule specializzate, incaricate di ripulire (o spazzare si tratta di Cellule dette anche “Spazzine” capaci di distruggere gli “Organismi Estranei” che invadono il corpo) il Colesterolo LDL (il cattivo)."

Inoltre, ingoiando regolarmente l'"ALIMENTO ESSENZIALE" ACIDO ASCORBICO, questo salinificando gli "ALIMENTI ESSENZIALI", che sono la base dei miliardi e miliardi di cellule che formano il nostro corpo, LA POMPA SODIO-POTASSIO, SODIO, POTASSIO, MAGNESIO e CALCIO, grazie alla AUTOGUARIGIONE, regolano continuamente e nel tempo questa POMPA, mantenendole in PERFETTA SALUTE, con massimo giovamento dell'individuo.
In proposito la pagina recita:
"Ogni nostra cellula possiede un equilibrio fra il suo interno ed il suo esterno che si fonda sulla stabilità del potenziale di membrana e sulla regolarità del meccanismo della pompa sodio-potassio. Tutti gli elementi leggeri (almeno 21) sono essenziali per la vita. Di questi in particolare sono quattro quelli fondamentali: Sodio, Potassio, Calcio e Magnesio. L'individuo sano possiede:
- tutti gli elementi necessari nella giusta quantità - un regolare potenziale di membrana e un regolare funzionamento della pompa sodio-potassio - un sistema immunitario integro ed efficiente
Nell'organismo sano, secondo necessità, si producono, per azione degli enzimi, delle trasmutazioni di un elemento in un altro: il calcio in potassio o in magnesio, il sodio in potassio o magnesio, il magnesio in calcio, il potassio in calcio ecc.. In particolare, l'equilibrio della pompa sodio-potassio è salvaguardato dagli ascorbati dei quattro elementi, cioè dalla salificazione di questi ultimi operata dall'acido ascorbico.
L'organismo equilibrato è in grado di mantenere attivo questo processo e di conseguenza il sistema immunitario preposto a combattere ogni forma di aggressione. Essendo gli alimenti la fonte di approvvigionamento degli elementi necessari a produrre gli ascorbati, ed essendo i cibi odierni più poveri ed adulterati ed inquinati, essi stessi sono causa o concausa di tante patologie."""
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/ribosiopotassiofunzione.htm

Questo è stato il consiglio dato ad una donna del gruppo su Facebook in quanto non stava bene ed aveva paura della IPERPOTASSEMIA o IPERKALIEMIA diagnosticata dal suo dottore, che però NON HA PARLATO DI ESAMI a conferma della sua diagnosi come sarebbe stato logico fare.
"Ciao
Stella Stephy Divi, prima di tutto mi dispiace che tu non stia bene, ma se posso permettermi, ti consiglierei di fare subito (se la situazione te lo permette) di fare un esame del sangue dove richiedi il controllo dei seguenti:
POTASSIO
SIDEREMIA
FERRITINA
CUPREMIA
VITAMINA D TOTALE
vitamina B12
in modo da avere un riscontro di questi valori in seguito all'ingoiare questi "ALIMENTI ESSENZIALI" come stiamo facendo con Franca.
Questi i valori del POTASSIO del sottoscritto in data 28 gennaio 2013 mentre ne ingoiavo 3 grammi ogni giorno.
POTASSIO-----valore 4.6--------valori di riferimento (3.6-5.3)
Faccio presente che nel 2011 ho fatto i miei 10 mesi ingoiandone dosi da 15 a 18 grammi al giorno
http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esame13.htm

Questi i valori del POTASSIO di Franca in data 28 gennaio 2013 mentre ne ingoiavo 15-18 grammi ogni giorno.
POTASSIO-----valore 4.3--------valori di riferimento (3.6-5.3)
http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esameferro13franca.htm

Franca che in quel periodo e dal 1 luglio 2012 con esame sopra datato 21 gennaio 2013, quindi erano quasi 7 mesi che ingoiava dai 15 ai 18 grammi di ACIDO ASCORBICO, BICARBONATO DI POTASSIO, LISINA e del RIBOSIO AL GIORNO, con il resto che ha continuato fino a fine aprile 2013, quindi per 10 mesi come preventivato da questa pagina.
http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/consigliotumore.htm

Faccio notare che dal 13 dicembre 2012 Franca ha aumentato le dosi di ACIDO ASCORBICO ai 50 e 60 grammi, quindi al 28 gennaio 2013 sopra la dose di ACIDO ASCORBICO non era di 15-18 grammi, ma da 50 a 60 grammi al giorno causa vicissitudini, la prima per il mal di schiena:
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/potassioesame.htm

Questo l'esame di Teresa fatti il 15 gennaio 2014, quindi giorni prima di iniziare ad ingoiare BICARBONATO DI POTASSIO, dove si rileva il valore del POTASSIO superiore al valore massimo di riferimento:
POTASSIO-----valore 5.12--------valori di riferimento (3.5-5.0)
Lei però ingoiava la pastiglia per la pressione alta consigliata dal suo dottore:



che dopo aver cessato di ingoiare tale pastiglia ed aver continuato ad ingoiare con costanza ACIDO ASCORBICO, BICARBONATO DI POTASSIO e gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" il valore del POTASSIO si può rilevare rientrato abbondantemente nei valori stabiliti.
POTASSIO-----valore 4.08--------valori di riferimento (3.5-5.0)
 

Porto a conferma altri esami cui si può rilevare il valore del POTASSIO MAI superiore al parametro maggiore pur ingoiandone minimo un cucchiaino, pari a circa 3 grammi al giorno.
POTASSIO-----valore 4.2--------valori di riferimento (3.5-5.1)



POTASSIO-----valore 4.5--------valori di riferimento (3.5-5.1)


POTASSIO-----valore 4.89--------valori di riferimento (3.6-5.4)


POTASSIO-----valore 4.9--------valori di riferimento (3.5-5.3)


POTASSIO-----valore 4.4--------valori di riferimento (3.5-5.5)


Dato che dall'aprile 2014 ad oggi 20 aprile 2015 molte persone si sono fatti questi esami ingoiando BICARBONATO DI POTASSIO in ragione di minimo un cucchiaino pari a circa 3 grammi al giorno, MAI NESSUNO ci ha comunicato che il valore del POTASSIO fosse superiore alla norma.
Quindi mi permetto di dichiarare che la ipotesi della
IPERPOTASSEMIA o IPERKALIEMIA che causa di                
"Andate cauti però con quantità elevate di potassio, se non volete incorrere in extrasistole e aritmie!"
che si può leggere sul web è COMPLETAMENTE FALSO e DEMONIZZANTE.

Quindi la VERA CAUSA invece è la pastiglia della pressione alta come da questa pagina che recita:
"IPERPOTASSIEMIA: IPERKALIEMIA O IPERPOTASSIEMIA DA FARMACI
L’iperkaliemia, definita come una concentrazione plasmatica di K superiore a 5 mmol/l, è associata al rischio di gravi aritmie cardiache (specialmente aritmia ventricolare e arresto cardiaco) e di disturbi muscolari, inclusa debolezza e paralisi.
I farmaci principalmente sospettati di dare un innalzamento della potassiemia sono:
* gli ACE-inibitori,
* gli antagonisti del recettore dell’angiotenisna (i sartani),
* i diuretici risparmiatori di potassio (soprattutto lo spironolattone),
* i slai di K e le eparine. Il rischio aumenta associando lo spironolattone con gli ACE-inibitori.
FARMACI CHE CAUSANO IPERKALIEMIA
Farmaci che alterano il passaggio transmembrana del K:
* Beta-bloccanti
* Digossina
* Soluzioni iperosmolari (mannitolo, glucosio)
* Suxametonio
* Aminoacidi cationici per via endovenosa"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/pastiperpotassemia.htm

Come si può rilevare dai primi QUI della pagina, mentre questa è la VERA CAUSA di
"Andate cauti però con quantità elevate di potassio, se non volete incorrere in extrasistole e aritmie!":

Dal BOLLETTINO AdN del 31 maggio 2002
«Due nuovi studi hanno mostrato che anche una sola tazzina di caffé è in grado di causare un temporaneo aumento della rigidità delle pareti arteriose. I ricercatori della scuola di medicina ad Atene, in Grecia, hanno esaminato gli effetti della caffeina su tre gruppi di persone: un primo gruppo con pressione del sangue normale, un secondo con lieve ipertensione, e un terzo con elevata pressione sanguigna. I ricercatori hanno fatto sapere, dai risultati avuti, che, se per tutti gli effetti temporanei dell’assunzione di caffé vi è comunque un innalzamento
della pressione e un irrigidimento delle pareti aortiche, il suo utilizzo, anche moderato, è assolutamente da evitare per chi ha già problemi di ipertensione. La ricerca sta continuando per conoscere gli effetti del consumo del caffé a lungo termine. Williams DeWitt, direttore del ministero della salute per la Chiesa Avventista del Nord America, ha aggiunto che l’uso diffuso, continuo e quotidiano del caffé nella società odierna ha indotto a credere che la caffeina fosse innocua. Da tempo sono stati scoperti, invece, tutta una serie di problemi di salute riconducibili al consumo di caffeina, fra i quali: aumento dei battiti irregolari del cuore, diminuzione dell’afflusso di sangue al fegato, aumento di colesterolo, interferenza con l’assorbi-mento di minerali importanti, come il ferro.
Si perde 1 milligrammo di calcio per ogni 10 milligrammi di caffeina consumati; considerando che una tazza di caffé forte contiene circa 103 milligrammi di caffeina, il danno è notevole. Il caffé può innalzare il tono psichico temporaneamente, ma a lungo termine lo deprime. Il suo consumo, non è stato solo associato a problemi di cuore, ma anche al cancro della vescica. Quelli che prendono due tazze di caffé al giorno raddoppiano il rischio di avere cancro alla vescica rispetto a quelli che non lo bevono.>>
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/iperpotassemiaipertensione.htm

L’eccesso di Colesterolo è sensibile all’ossidazione da parte dei Radicali Liberi. Una volta ossidato, si accumula nelle pareti delle nostre Arterie per formare una placca capace di ostruire le Arterie e condurre all’Infarto. Che ruolo ha dunque il Potassio in questo scenario?
Il Colesterolo è una molecola indispensabile per la vita

Esso è una molecola classificata tra i “corpi grassi”, ma la sua formula è diversa da quella degli “acidi grassi”. Si tratta di uno steroide che possiede una doppia origine. Il nostro fegato fabbrica i due terzi grazie ad una lunga catena di reazioni chimiche orchestrate da numerosi enzimi dei quali il principale si chiama HMC-CoA reduttasi. Il terzo rimanente è fornito dagli Alimenti di origine Animale.

Il colesterolo svolge diverse funzioni nell’Organismo. Il Corpo lo utilizza per fabbricare delle sostanze indispensabili quali la Bile e gli Ormoni Sessuali. Ma è soprattutto uno dei costituenti della membrana che avvolge tutte le nostre cellule. Possiede un ruolo strutturale. Si insinua nel “Doppio Strato Lipidico”, fra le molecole dei Fosfolipidi formando una specie d’armatura della membrana cellulare.

Quando le cellule si rigonfiano, inseguito ad un eccesso di Sodio intracellulare e ad una carenza di Potassio, le proprietà meccaniche delle membrane vengono modificate. Le membrane sono messe sotto tensione e s’irrigidiscono. Il Colesterolo non ha più spazio sufficiente per inserirsi fra i Fosfolipidi: così torna nella circolazione sanguigna, per “ossidarsi” e favorire la formazione di “Placche Ateromatose”.


Il Potassio si prende cura delle nostre Arterie

Numerosi studi in vitro su animali suggeriscono che integrare elevate quantità di Potassio serve a proteggerci dalle malattie cardiovascolari. Ad esempio, è stato evidenziato, su animali ipertesi, che il Potassio permette di ridurre i Lipidi nel Sangue e nei vasi Sanguigni.

Inoltre impedisce ai Macrofagi di aderire alla parete Arteriosa. I Macrofagi sono delle Cellule specializzate, incaricate di ripulire (o spazzare si tratta di Cellule dette anche “Spazzine” capaci di distruggere gli “Organismi Estranei” che invadono il corpo) il Colesterolo LDL (il cattivo).
Sfortunatamente, quando questo Colesterolo si “ossida”, i Macrofagi lo depositano sotto forma di grassi nelle pareti Arteriose, il che contribuisce alla formazione di “Placche Ateromatose”. Il Potassio potrebbe frenare le malattie Cardiovascolari, impedendo ai Macrofagi di aderire alle pareti.
Altri studi fatti sempre su animali hanno mostrato che il Potassio potrebbe ridurre i depositi di Colesterolo nell’Aorta.

Ed ecco una buona notizia per ridurre i problemi di “Mortalità Cardiovascolare”! esistono, oltre naturalmente alle cure mediche mirate, due fattori alimentari che ci potrebbero aiutare “gli Acidi Grassi Omega 3e …sentite , sentite!! uno o due bicchieri di vino rosso al giorno, riducono i rischi d’infarto e di incidente Cerebrovascolare. Nel mentre i pazienti che hanno avuto un Infarto, se bevono un po’ di vino corrono meno rischi di vedere l’insorgere di complicazioni vascolari.

Prof. Dr. Roberto Mazzoli

Se l'italiano è la tua lingua leggi sotto.
Se hai cliccato sul traduttore e vuoi leggere la pagina nella tua lingua clicca sulla riga.

il link è: https://www.saper-link-news.com/potassio-e-prevenzione-malattie-cardiovascolari/

 

                          Sai cosa è il CLORURO DA MAGNESIO ? vai su
                                 
     http://clorurodimagnesio.altervista.org/

                                Ecco invece i siti che potrebbero cambiarti la VITA
                                                      www.dr-rath-foundation.org
                                                      www.massimopietrangeli.net
                                         www.aerrepici.org/forum/forum.asp?FORUM_ID=1

I link che NON ti devi perdere sono: cliccaci sopra poi te li leggi con comodo.

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lapelle.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esperienze.htm

Se NON hai ancora visitato il nostro sito ti consiglio di visitarlo e per capire cosa è l'ACIDO ASCORBICO devi leggere le pagine più importanti che sono: CHI SIAMO, LA DONNA,
SITO SECONDO, SITO TERZO, SITO QUARTO, SITO SESTO,
SITO DECIMO.

                           Quindi clicca per SAPERNE di più sull'ACIDO ASCORBICO
                         
oppure:
                                    http://acidoascorbico.altervista.org/index.html