Per sapere il motivo di queste integrazioni, oltre la mia esperienza, clicca QUI
Per sapere cosa è il PRIMO FLAGELLO umano che si chiama CAFFE'
clicca
QUI Leggi quanto riporta il sito PAGINE MEDICHE "area medica" della CAFFEINA Clicca QUI inoltre è un INSETTICIDA Clicca QUI e lo ZUCCHERO: dannoso e tossico come il CAFFE', l'ALCOOL ed il TABACCO Clicca QUI  Per tutta la documentazione in nostro possesso clicca QUI

Dopo, vuoi leggere anche le esperienze di altri? clicca QUI

Per la definizione degli "ALIMENTI ESSENZIALI"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/alimentiessenziali.htm

Tutto sul MAGNESIO
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiobase.htm

Tutto sulla vitamina D
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadbase.htm

Ciao Tiziana Festa, gtazie per questo video, ritengo che sia molto esplicativo, ma mi permetto di correggere un fatto moltissimo importante, LA FORMA DI MAGNESIO da ingoiare, il CLORURO DI MAGNESIO che devo infotmare sia l'unica forma di magnesio esistente in natura, mentre le altre si devono considerare "farmaci" in quanto preparate del piccolo chimico, delle quali il professor Pierre Felbet ci informa che queste forme sono pro tumore-
La pagina recita:
"pagina 10/51------La formula DELBIASE
Il metodo si struttura e si perfeziona. All'inizio utilizzava unicamente il CLORURO DI MAGNESIO. In seguito, venuto a conoscenza dei lavori di Victor Grignard sulla potenza sintetica dei composti organomagnesiaci, decide di aggiungere al CLORURO DI MAGNESIO basse quantità degli altri sali alogenati di magnesio:
bromuro
ioduro
fluoruro.
Dopo qualche tentativo, mette a punto una formula alla quale dà il nome di DELBIASE, in libera vendita in farmacia. (Tuttavia per oscura ragione, l'attuale DELBIASE è stata amputata dal 1983 dello ioduro e del fluoruro pur mantenendo lo stesso nome! Purtroppo contiene solo più CLORUSO DI MAGNESIO e BROMURO DI MAGNESIO)

pagina 11/51------differenza del cloruro alle altre forme (carbonati)
Delbert aveva già sperimentato l'assunzione di dolomia per questo tipo di problema. ma senza ottenere risultati (la dolomia è un carbonato doppio di magnesio e calcio). La prosecuzione delle ricerche provò che l'azione del CLORURO DI MAGNESIO o delle DELBIASE era dovuta probabilmente non allo ione magnesio, ma alla molecola salina (il CLORURO). Esiste una grande differenza tra il carbonato e i sali alogenati! Egli potè constatare anche che, mentre i carbonati accelerano l'evoluzione di tumori neoplastici o delle lesioni precancerose, il CLORURO DI MAGNESIO, come la DELBIASE, ne arresta lo sviluppo e spesso li fa persino regredire.
I suoi numerosi esperimenti (ahime, sugli animali) prendendo quindi di mira la prevenzione e l'evoluzione di tumori innestati. I risultati, nettamente favorevoli, provano che è possibile rallentare l'evoluzione dei tumori saturando l'organismo di questi sali alogeni di magnesio, La loro azione sulla cellula neoplastica è indiscutibile. Tali fatti clinici gli permisero di attribuire ai sali alogenati di magnesio (CLORURO DI MAGNESIO e DELBIASE) un'azione preventiva contro il cancro.
Egli d'altra parte sottolinea che il CLORURO DI MAGNESIO non dev'essere considerato come tossico per la cellula neoplastica. In realtà "tutto quello che vive ha bisogno di magnesio, tanto le cellule neoplastiche quanto quelle sane". L'azione dei sali di magnesio, infatti, è citofilattica, vale a dire che essi aumentano la resistenza e l'attività delle cellule, ripristinando il buon funzionamento cellulare quando questo è compromesso da una qualsiasi patologia.

http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/delbertclorurodimagnesio.pdf

Quindi una di queste forme è il "magnesio supremo" il più conosciuto. Tornando a parlare del CLORURO DI MAGNESIO, devo dirti che stà anche sulla terra ferma, ma la maggior parte è nelle acque di mare detta !acqua salata", nella quale è lì dall'inizio del mondo, ma conta sopratutto che dentro a queste acque CI NASCONO, CI VIVONO e CI MUOIONO la maggior quantità di specie viventi, sia del REGNO ANIMALE che del REGNO VEGETALE.
Quindi è facile capire che queste specie NON soffrono di "allergia al magnesio" e neppure di "ipermagnesemia" nel qual caso si sarebbero estinte, mentre i medici dopo un esame del sangue. invece di dirti stai bene, ti dico ;SEI SANO COME UN PESCE". Ci sarà pure una ragione vero?
Inoltre devo farti notare che e ricordare che questi individui il CLORURO DI MAGNESIO NON LO POSSONO PROPRIO EVITARE.
Altra parte che non condivido è quella del consiglio di pastiglie, oltre che la forma di magnesio usata che non è proprio quella NATURALE ma preparata dal piccolo chimico, quindi CANCEROGENA,  detto dal professor Pierre Felbert come riportato sopra, inoltre vi è anche il fatto che nelle pastiglie la quantitò di CLORURO DI MAGNESIO è IRRISORIA e quindi NON PUO' evitare la CARENZA da lui molto bene spiegata.

https://www.facebook.com/danilojesusdemari/videos/800050013678319

 

                          Sai cosa è il CLORURO DA MAGNESIO ? vai su
                                 
     http://clorurodimagnesio.altervista.org/

                                Ecco invece i siti che potrebbero cambiarti la VITA
                                                      www.dr-rath-foundation.org
                                                      www.massimopietrangeli.net
                                         www.aerrepici.org/forum/forum.asp?FORUM_ID=1

I link che NON ti devi perdere sono: cliccaci sopra poi te li leggi con comodo.

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lapelle.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/VolontariWEB.com_files/esperienze.htm

Se NON hai ancora visitato il nostro sito ti consiglio di visitarlo e per capire cosa è l'ACIDO ASCORBICO devi leggere le pagine più importanti che sono: CHI SIAMO, LA DONNA,
SITO SECONDO, SITO TERZO, SITO QUARTO, SITO SESTO,
SITO DECIMO.

                           Quindi clicca per SAPERNE di più sull'ACIDO ASCORBICO
                         
oppure:
                                    http://acidoascorbico.altervista.org/index.html